“Essenze e Vapori” by Silvano Chimenti (Italy, 1972)

https://www.facebook.com/prognotfrog Figlio di operai, dopo aver studiato pianoforte al conservatorio sceglie di passare alla chitarra, che impara da autodidatta, e comincia a suonare con alcuni amici.
Chimenti inizia la sua carriera fondando il gruppo beat dei The Planets, con cui si trasferisce da taranto a Roma ed ha le prime esperienze discografiche, e con il quale appare anche in alcune pellicole.
Continua la carriera di chitarrista nei Pataxo and the Others, iniziando però anche la carriera di session man presso la ARC e la RCA: in Un mondo d’amore di Gianni Morandi l’arpeggio di chitarra con cui inizia la canzone è suo.
Nel 1970 incide Viaggio attraverso i problemi dell’uomo: droga per la Roman Record Company di Gaetano Pulvirenti (il cofondatore della Karim): si tratta di un album interamente strumentale, con i flussi beat, jazz e psichedelici, che da molti viene considerato uno dei primi dischi di progressive italiano.
Nei primi anni ’70 suona in alcuni dischi che hanno fatto la storia della musica italiana, come Questo piccolo grande amore di Claudio Baglioni, Tutto Modugno di Domenico Modugno e Non al denaro, non all’amore né al cielo e Storia di un impiegato di Fabrizio De André.
Ha collaborato inoltre con Ennio Morricone, suonando nelle colonne sonore dei film Quattro mosche di velluto grigio e Sacco e Vanzetti.
Insieme al jazzista Enrico Pieranunzi forma nel 1976 i Pulsar: il loro unico album viene usato per la colonna sonora del film Milano violenta di Mario Caiano.
Chimenti è poi entrato come chitarrista nell’orchestra della Rai, ed in questo ruolo ha suonato in svariate edizioni del festival di Sanremo.
Nel 1992 incide un cd di jazz, intitolato Soft impression, come Silvano Chimenti quartet, in cui partecipa come ospite Oscar Valdambrini. http://prognotfrog.blogspot.com/2008/02/silvano-chimenti-droga-italy-1972.html#comments

Facebook Comments
0
Grill Cheese It
Save

Comments

Write a comment

*